Mobilità 2.0?

Vivo da pendolare ogni giorno da due anni a Mantova e la situazione del traffico, della numerosità crescente d’auto è sempre più preoccupante.
Non capisco cosa ci voglia a rendere la cità al servizio delle persone e non le persone al servizio della città.
Perchè, se devo recarmi in centro sono costretto a sbattere la testa per cercare parcheggio in lungo e in largo nella speranza di trovarlo meno lontano possibile solo perchè, in una città piccola come questa non c’è coordinazione tra mezzi pubblici (poco presenti e mal distribuiti) e i parcheggi.
Perchè non istituire ogni 300 metri un servizio di bike sharing oppure un servizio agevolato di autobus? O perchè non fare come in altre città che puoi noleggiare ad ore un’auto direttamente in modo convenzionato con il comune? a me non importa il mezzo di trasporto utilizzato o lasciare la macchina lontano dal luogo di studio (l’università) ma vorrei che gli spostamenti da / verso il centro fossero immediati e possibilmente a basso costo.
L’hiterland del mio comune non è talmente servito da dare la possibilità alla gente di servirsi esclusivamente dei mezzi pubblici. Per prendere il treno devi comunque usare la macchina se non abiti a ridosso della stazione non serve a molto tutto questo sforzo. Idem per gli autobus nella maggior parte dei casi.
Dov’è la classe politica in tutto questo? L’innovazione della mobilità è necessaria se no restiamo indietro 30 anni e perdiamo in produttività.
C’è da rimboccarsi le maniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *