Mondiali di calcio in 3D: un’esperienza che picchia in testa!



Ieri sera sono andato a vedere Germania Spagna, semifinale del mondiale in 3D a Parma al The Space Cinema, ex Warner Village grazie alla convenzione 3 Italia e The Space.
Una esperienza quasi sperimentale per tanti aspetti.
Le immagini erano un pò sfocate, la trasmissione non sembrava nemmeno in alta definizione perchè i dettagli non erano per nulla nitidi.
La frequenza di aggiornamento dei frame delle immagini era un pò bassa. Quindi la palla sui passaggi veloci andava a scatti, provocando fastidiosi effetti visivi.
Le telecamere dedicate al 3d sono diverse e gestite da una seconda regia, quindi non c’è possibilità di avere le inquadrature a cui siamo abituati (retroporta con il braccio, spider cam, reverse angle) e inoltre per “risaltare” l’effetto 3d durante le azioni in diretta si inneggiava continuamente con le telecamere a bordo campo, forse le uniche che regalavano una sorta di vero effetto 3d durante la diretta.
Se volete andare andare quindi a vedere la finale del mondiale in 3d al cinema o con il televisore dell’amico già fornito di tv full HD 3d sappiate alcune cose:
Non vi illudete che la qualità sia come vedere i giocatori dal vivo
– Preparatevi ad una serie di inquadrature diverse
– Preparate un OKI per il mal di testa che vi martellerà nelle 24 ore successive (io ne sono la testimonianza)
Procuratevi due tappi per le orecchie perchè le vuvuzela in Dolby Digital 5.1 sono veramente un martello pneumatico in testa che martella!
Per il resto, forza con i pop corn .. e buona visione! 🙂





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *