Storie di normale digital divide: Caino (Brescia)

Riporto la storia pubblicata da cbelli relativamente a Caino (Brescia)

Ecco la storia più recente:
un cliente che ha EOLO in azienda ed al suo paese fa parte di questo gruppo civico a Caino, provincia di Brescia.
http://www.gruppocivico31.it/

Ci chiede una mano per portare EOLO. Il cliente insieme ad NGI (grazie, Mip!) individuano un traliccio che potrebbe coprire la loro zona.
L’associazione si dà da fare per una raccolta informale di firme. Con circa 30 firme e senza chiudere nulla al Comune o all’associazione, NGI attiva il traliccio.

Organizziamo una serata per promuovere la cosa
http://blog.direte.it/2010/06/03/incontro-su-banda-larga/

Ora ci sono ora circa 50 utenti non più digital divisi.
Rimane l’altra metà del paese e stiamo lavorando per arrivare anche lì.

La morale non è tecnologica ma “civica”: se un gruppo di utenti si mettono insieme possono fare grandi cose. Anche per noi è stato più semplice risolvere il loro problema avendo un unico interlocutore affidabile piuttosto che 50 privati disorganizzati.

Questo blog potrebbe fare altrettanto? Il guanto è lanciato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *