Seconda e ultima lettera sul “Ecomostro di Torricella”

Seconda e ultima lettera in risposta sull’ “ecomostro di Torricella”.
Non pubblico la risposta del Sig. Soprani perchè questa non è la Gazzetta di Mantova e quindi non c’è censura.

Con la presente lettera volevo ringraziare il signor Soprani per avermi ricordato tutti i riferimenti normativi del caso “Eco Mostro di Torricella” già letti sulle Gazzette dei giorni precedenti. Essendo una persona amante dei fatti, dei numeri e non solo delle proposte e della burocrazia vorrei chiedere all’associazione se ha stimato i costi di abbattimento dell’opera e di non esercizio della stessa e su quale copertura economica ci sia. Se i mancati introiti del “conto energia”, dell’energia elettrica risparmiata (sufficienti per il fabbisogno di centinaia di persone) e dello smantellamento non fossero a carico dell’intera collettività del Comune di Motteggiana, quindi anche di noi suoi compaesani, certamente non sarei qui a perdere il mio tempo.
Sulla questione dello spostamento in un’altro luogo pubblico maggiormente idoneo come da lei ricordato, se da parte dell’amministrazione comunale venisse avanti la proposta di spostare tutto altrove nel circondario del Cimitero del paese o in un altro posto limitrofo voi sareste ugualmente contrari o la vostra battaglia riguarda oltre la salvaguardia della chiesa, la sostanza del “fotovoltaico”?
Mi stupisco che voi così sensibili al decoro urbano e alle opere pubbliche del nostro comune non abbiate a cuore all’interesse delle prossime generazioni. La mia sensazione è che più che il decoro della chiesa in se il vero problema sia il fotovoltaico in quanto tale. Se fosse così sarebbe veramente grave non tanto per me ma per l’intera collettività. La ringrazio infine per aver ricordato la mia futura carriera, chiudo quest’ultima e definitiva lettera sulla questione con questo rammarico: visto che il fabbisogno elettrico è in costante ascesa e l’approvigionamento sempre più costoso e tutti abbiamo l’illuminazione, la televisione e una serie di comodità; la vostra associazione ha proposte concrete da fare per rendere il nostro comune più eco-sostenibile? Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *