A sei mesi dall’introduzione del Cadenzamento, sulla Mantova-Modena-Verona Non è cambiato niente!

Vi riporto una lettera che ho scritto a Federconsumatori sulla pagina di Facebook!

Ho letto solo in questo momento un vostro vecchio articolo (http://www.federconsumatorier.it/progetto-nuovo-servizio-ferroviario-modena-carpi-mantova-gli-utenti-pretendono-risultati-concreti) che parlava del nuovo progetto di cadenzamento orario per la linea ferroviaria Modena-Carpi-Suzzara-Mantova.
Vivendola da vicino come probabilmente molti vostri concittadini mi permetto di appuntarvi alcune cose:
– Il nuovo orario che avrebbe dovuto anticipare l’arrivo a Modena sia alle 7.38 che alle 8.35 non ha fatto altro che posticiparlo. I treni del mattino (33531 e 33533 in primis) soffrono già da Mantova di un ritardo medio che sfiora i 10 minuti e questo non permette a molte persone di arrivare al lavoro in orario.
-Materiale rotabile: in orario di punta le ale 582 per mantova (alle 18.05 da modena in particolare) soffrono di sovraffollamento.
Il vivalto FER (che fa 1/4 delle corse MN-MO) ha metà treno (2 carrozze su 4) con il riscaldamento rotto
L’ale 852 n 42 ha una carrozza con lo stesso riscaldamento rotto ( cit. http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2012/10/30/news/lunedi-da-pendolari-tra-gelo-e-ritardi-1.5943307 )
– Coincidenze a Carpi per i treni diretti a Mantova. Si aspetta una coincidenza dai 5 ai 9 minuti inutilmente fermi a Capri.
– Cadenzamento orario a Modena: i treni gestiti dalla dtr veneta partivano a Modena al minuto 30/38/40. I nuovi orari per Mantova partono tutti al minuto 05. Sommando gli inutili minuti di attesa a Carpi e considerando che molti pendolari NON sono vicini alla stazione questa scelta porta ad attese di quasi un ora in stazione per Mantova.
– Per lo stesso motivo dei due punti sopra, il treno delle 13.30 è stato posticipato di 35 minuti allungando per molti studenti delle superiori il rientro a casa notevolmente. Esiste sia per Bologna, che per Milano, che per Sassuolo un treno alle 13.30. Perchè non può esserci anche per Mantova?
– Puntualità nei giorni critici. Venerdì scorso ci sono stati
– 11 treni con ritardi superiori ai 10 minuti
– 8 treni cancellati
– 6 treni con ritardi tra i 5 minuti e i 10 minuti
(dati generati dal Train Tracker)
Per un guasto partito al mattino si è arrivati ad avere ritardi fino a sera. Non mi sembra normale.

– Treno 2915/2914 Bologna Verona . Cancellati ed eliminati senza spiegazione. Gli unici treni veloci e con poche fermate.
– Fermate non rilevanti agli orari non di punta. E’ veramente necessario far fermare ogni treno ad ogni ora a Borgoforte, Levata, Palidano, Villanova di reggiolo? I tempi di percorrenza teorici ed effettivi invece di aumentare peggiorano.
Che senso ha pretendere treni con velocità massima 130 km/h se da orario per fare 62 km ci impiegano 70 minuti.

– Coincidenze per Verona. A Mantova questo stravolgimento di linea è stato sdoganato come migliorativo, mentre circa la metà dei giorni c’è almeno un gruppo di sfortunati pendolari che attende 1 ora a Mantova a causa dei ritardi dei treni che partono da Modena.

In definitiva, e mi scuso per la lungaggine. Dividere la linea non è servito a niente. Sono cambiati fisicamente i treni che girano e gli orari, peggiori nettamente rispetto al passato per chi abita fuori da Carpi.

E’ necessario al più presto un ripensamento complessivo dell’offerta complessiva. Perchè credetemi, si preannuncia un dicembre nero… cadenzato!

EB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *