Esame di stato: una prova ormai priva di significati


A due anni di distanza dal mio esame di maturità per la prima volta mi sono interessato un pò da spettatore alle prime prove (quelle comuni a tutti) date quest’anno.
Premesso da dire che da alcuni anni a questa parte per quanto riguarda la prima prova sostanzialmente fra le tracce si individua sempre un tema “scappatoia” che fà l’80% degli studenti. Lo scorso anno era quello della comunicazione digitale.. quest’anno sulla musica. Sostanzialmente si evita il problema della preparazione alla prima prova puntando direttamente al tema generale.
Comunque, per quanto riguarda la seconda prova di stamattina per quanto riguarda il liceo scientifico (quello più blasonato) ho tenuto monitorata la situazione questa mattina.
Mi sembra poco serio che alle 8.45 la traccia fosse già in internet e alle 9.30 c’erano già soluzioni sufficienti a garantire al candidato una buona valutazione dell’esame.
Sono studente anche io e ho copiato come tutti nella mia carriera ma certo con tutto il tempo che ho “perso” nello studio questo sistema di esami non premia più la meritocrazia.
Mi domando: perchè la polizia postale, sempre in prima linea per oscurare siti per provvediementi di giudici (thepiratebay, i vari siti di scommesse senza licenza aams) non fà un provvedimento che oscuri tutti i vari studenti.it skuola.net eccettera durante gli esami.
Meglio dare prove “falici” e ben tarate sul reale apprendimento e limitare le copiature piuttosto che questa selvaggia possibilità di salvarsi portandosi dietro due telefonini.
L’esame di stato senza riforme è ormai una prova priva di significati.

Se la pensi diversamente dalla mia opinione aspetto di leggere i tuoi commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *