Storie di normale “digital divide”: Motteggiana (Mantova)

Inauguro questa nuova rubrica che raccoglierà le vostre storie di digital divide made in Italy.. là dove internet c’è ma è lento, dove gli operatori non investono perchè siete per loro fuori dal mondo e da ogni logica economica.

Inauguro questa rubrica parlandovi del mio comune: Motteggiana, a due passi dal fiume Po sorge un piccolo comune di poche centinaia di abitanti dove qui si vive di pane e lamiera.
Sarà la conformazione del territorio, saranno i pochi abitanti, sarà la scarsa sensibilità e la scarsa consapevolezza del problema da parte delle autorità, eclissati dai comuni vicini ma qui nella pianura lombarda il divario digitale è ancora presente.
Il 30% del comune è stato servito dalla adsl a 640kbit antidigital divide di telecom. Il resto è ancora totalmente scoperto da servizi di banda larga cablati.
I servizi via etere (aria sopratutto ed eolo in secondo luogo) hanno dato una “promessa” di copertura che alla fine è rimasta per parte del comune solo tale perchè le onde radio sono ancora allo scuro di parte del territorio perchè le antenne sono sempre state messe in comuni vicini e/o a lunga distanza.
Nei comuni vicini si raggiungono i 20 mega visto che sono paesi molto popolosi.. è possibile che nel 2010 non ci sia una possibilità, dai provider e dagli enti locali di estendere la copertura della larga banda nel nostro comune?

Hai anche tu una storia di normale digital divide da raccontarci? Scrivila e la pubblicherò in questa rubrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *